lunedì 12 ottobre 2015

BERLIN - I FUOCHI DI TEGEL di Fabio Geda e Marco Magnone

Buon lunedì blogosfera, e come tutti i lunedì oggi ci sono tantissime cose di cui occuparsi, come le rubriche, le recensioni, la scuola, il lavoro ecc... Perciò non mi voglio perdere in chicchere e inizio subito a parlarvi di un libro non troppo impegnativo ma veramente carino.
Colgo anche l'occasione, per chi ancora non se ne è reso conto, che sul blog è in corso un Giveaway.


Data di pubblicazione: 6 ottobre 2015
Editore: Mondadori
Autrice: Fabio Geda - Marco Magnone
Pagine: 
204
È l'aprile 1978: sono passati tre anni da quando un misterioso virus ha decimato uno dopo l'altro tutti gli adulti di Berlino. In una città spettrale e decadente, gli unici superstiti sono i ragazzi e le ragazze divisi in gruppi rivali, che ogni giorno lottano per sopravvivere con un'unica certezza: dopo i sedici anni, quando meno se lo aspettano, il virus ucciderà anche loro. Tutto cambia quando qualcuno rapisce il piccolo Theo e lo porta via dall'isola dove viveva con Christa e le ragazze dell'Havel. Per salvare il bambino, Christa ha bisogno dell'aiuto di Jakob e dei suoi compagni di Gropiusstadt: insieme dovranno attraversare una Berlino fantasma fino all'aeroporto di Tegel, covo del più violento gruppo della città. Là, i fuochi che salgono nella notte confondono le luci con le ombre, il bene con il male, la vita con la morte. E quando sorgerà l'alba del nuovo giorno, Jakob e Christa non saranno più gli stessi.
Torno a casa stressatissima dal lavoro e dai mezzi pubblici e trovo un pacco sul tavolo...bah di chi sarà? Non ricordo di aver ordinato qualcosa... Lo apro e con mia grande sorpresa trovo il kit di sopravvivenza per aiutare Christa, Nora, Jakob, Bart, Sven e Betth a salvare il piccolo Theo.
Il Kit consiste in uno zaino, una borraccia, una coperta termica, le indicazioni per identificare il virus e una mappa della Capitale tedesca.
Entusiasta per la straordinaria presentazione, sono quindi pronta a partire per un'altra avventura libresca e ovviamente il Gatto libraio verrà con me.
La lettura risulta subito essere molto semplice e poco impegnativa, è infatti consigliata ad un pubblico giovanile, ma posso dirvi tranquillamente che sarà apprezzato da un po' tutte le fasce di età.
Ci troviamo a Berlino nel cuore degli anni settanta, a ricordare la guerra ormai c'è solo il muro che divide Berlino in due fazioni divise fra gli alleati. E' proprio questo muro a farmi nascere le prime domande...è il vero muro di Berlino o dall'altra parte c'è una città "sana"?
Parlo di sana perchè non si riesce a capire bene cosa sia realmente successo, ma di sicuro, sappiamo che un virus ha sterminato tutti gli adulti della città, come si arriva alla maggiore età, muori!
Ora Berlino è abitata solo da bambini che si sono divisi la città in fazioni.
Ci sono i ragazzi dello Zoo, che sopravvivono e si divertono con poco; quelli di Gropiusstad, pieni di sani principi e qui incontreremo Jakob, il protagonista maschile del libro insieme ai suoi compagni di avventura, Sven e Bernard; quelli del Reichstag, prepotenti e attacca brighe, che sono guidati da due giovani fidanzati in attesa di un erede; le ragazze dell'Havel, che si danno da fare per sopravvivere e qui incontreremo la protagonista femminile, Christa.
come ultima fazione ma prima per crudeltà, abbiamo i ragazzi di Tegel. 
Manca l'elettricità, il cibo, l'acqua corrente, ogni giorno è una lotta alla sopravvivenza per questi ragazzi. Per le ragazze di Havel però si aggiunge un altro problema, Theo il nipotino di Nora è stato rapito durante la notte, dai ragazzi di Tegel. 
Le ragazze di Havel saranno aiutate dai ragazzi dello zoo e di Gropiusstad, si creeranno così delle alleanze tra alcune fazioni.

Per liberare Theo, saranno costretti a partecipare e vincere i giochi della morte organizzati da Chloe il capo dei ragazzi di Tegel (quasi a ricordare gli Hunger Games).
I sei ragazzi riusciranno a portare in salvo Theo?
Se amate l'avventura non potete perdervi questo libro anche perchè si tratta di un primo volume quindi ci saranno dei seguiti che daranno sicuramente al lettore la possibilità di capire tante cose che sono ancora state lasciate in sospeso.
Inoltre potete seguire la Pagina Facebook dedicata al libro, o l'account Twitter

Correte a leggerlo io intanto parto per Berlino!

3 commenti:

  1. La trama sembra interessante, ma estremamente simile a quella di The Young World, hanno parecchi di elementi in comune! Lo vorrei leggere e credo che non resisterò a lungo, sono troppo curiosa! The Young World mi è piaciuto, ma questo sembra avere una marcia in più..vedremo! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca sinceramente non ho letto The Young World quindi non saprei dirti...nonostante diversi pareri discordanti a me è piaciuto molto anche perchè è evidente che la storia non è finita qui... appena lo leggi fammi sapere ;-)

      Elimina
    2. Di sicuro, anche se non credo di riuscirci presto..ho troppi libri in "coda"!! ç_ç Però vorrei leggerlo sì! ^^

      Elimina