CONOSCIAMO MELANIA D'ALESSANDRO

Vi sono mancata? ahaah eccomi nuovamente qui, scusate se vi sto intasando di post ma questa settimana ho così tante cose da dirvi...
Oggi ad esempio ho il piacere di parlarvi di una ragazza che probabilmente molti di voi già conosceranno come blogger...

http://miopaesedellemeraviglie.blogspot.it/

Ancora non avete capito di chi sto parlando? Ma di Melania D'Alessandro o anche meglio conosciuta come Mirial.
Melania oltre ad essere una bravissima blogger è anche una scrittrice e sono qui per presentarvi il suo secondo libro "Sogni di Carta"

Titolo: Sogni di Carta
Autore:
Melania D'Alessandro
Editore:
Leucotea
Genere:
Fantasy
Prezzo:
13,90
Data di uscita 23 Febbraio


Sogni di Carta è un negozio speciale. Tanto per cominciare, è gestito da un signore che veste sempre con abiti a quadretti e da un topo brontolone che va ghiotto di biscotti e viaggi fantasiosi. È una libreria magica, dove ogni parola scritta può diventare realtà e in cui i clienti vivono le avventure dei protagonisti delle storie come fossero proprie. Un giorno, tuttavia, libraio e topo di biblioteca si ritrovano ad affrontare guai seri: il mondo della fantasia è in pericolo e rischia di scomparire per sempre. Tra magici ripostigli, laboratori sognanti e personaggi straordinari si snoda la storia di Sogni di Carta, dove la magia diventa possibile e dove anche i lettori possono fare la differenza.
Link utili
Booktrailer
Pagina Facebook del romanzo
Blog personale

E' possibile acquistare il romanzo dal sito della casa editrice.
A partire dal 23 febbraio sarà ordinabile anche nei migliori store online (Amazon, Ibs, GoodBook...) e in tutte le librerie del territorio nazionale.

ESTRATTO “Sogni di Carta” di Melania D'Alessandro

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  
 "In un paese lontano, che potrebbe essere il vostro così come il mio, un tempo esisteva un negozio speciale." Questo è il fiabesco incipit del romanzo, che fin dalle primissime righe permette al lettore di immergersi nel mondo incantato di Sogni di Carta; non esiste un luogo preciso per la sua ambientazione, il magico negozio potrebbe trovarsi a un passo dalla casa del lettore così come in una città non tanto distante da quella in cui abita. Ed è questa la magia più grande delle libreria protagonista del romanzo: essa è ovunque e allo stesso tempo in nessun luogo, per trovarla davvero bisogna avere bisogno di lei, come una sorta di Mary Poppins delle librerie.
In un'epoca in cui le distrazioni sono all'ordine del giorno e la tecnologia ha rimpiazzato il piacere di godersi la compagnia di un buon libro, il romanzo coglie la sfida e intende insegnare ai bambini il valore della lettura, ma anche l'importanza dell'intelligenza, della collaborazione, della fantasia, del gioco e del divertimento. L'accento viene posto anche sull'ecologia e sull'importanza del riciclo. Il libro si rivolge anche agli adulti che sanno ancora sognare, ai genitori che desiderano leggere in compagnia dei propri figli, ma anche ai librai, che tra le sue pagine sapranno ritrovarsi. Presente è anche il tema della scrittura e del rapporto tra libro e lettore, così come quello tra genitori e figli. Tra le altre tematiche si ritrovano il tempo, l'intraprendenza, la curiosità, la condivisione, lo spirito di squadra, l'amicizia, la determinazione.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ho avuto anche il piacere di ospitare qui nel mio salotto virtuale Melania, ma prima di lasciarvi alla nostra chiaccherata vi vorrei ricordare che sul suo Blog è in corso il Blog Tour con Giveaway finale (in palio una copia del romanzo, un segnalibro e il pupazzetto del topolino protagonista della storia), per promuovere il libro, ma avete tempo fino al 5 marzo. Ecco qui il link del post introduttivo
Intervista a Melania D'Alessandro...

Ciao Melania ti ringrazio tantissimo di essere qui nel mio salotto, scusa i peli ma con tutti questi post ancora non ho avuto il tempo di spazzolarmi...Parlami un po' di te che siamo tutti curiosi...
Ciao Gatto Libraio! Sono una topina di biblioteca di quasi 26 anni. Ti prego, non mangiarmi, tra bibliofili ci si intende =P Amo la parola scritta e tutto ciò che è carta e inchiostro fin dalla tenerissima età, tanto che non vedevo l'ora di iniziare le elementari per imparare a leggere. Nella mia vita sono stata affascinata da molte cose e ho tante (troppe!) passioni: l'arte, la fitoterapia, le antiche culture e tradizioni, la cucina sono solo alcune delle cose che mi piace fare nel tempo libero. E poi, ovviamente, ci sono i sogni. Quelli non si esauriscono mai nel mio cuore, anzi, sono la linfa vitale della mia anima! Attualmente vivo in una casa di campagna insieme al mio compagno e... a una gatta pestifera che riempie le mie giornate con dispetti, giochi e coccole. 
Ok vedo che anche tu ami i Gatti bene, allora possiamo continuare ihihi...Quando hai iniziato a scrivere e quando hai deciso di aprirti un Blog letterario?
La mia passione per la scrittura è nata già dalle scuole elementari. Non appena ho imparato a impugnare la penna, ho iniziato a riempire quaderni su quaderni di piccoli pensieri, per lo più cose che vivevo durante la giornata o riflessioni. Amavo scrivere in rima e inventare filastrocche. Poi, pian piano, le frasi si sono evolute e sono nate delle storie vere e proprie. Ho iniziato a pensare seriamente di scrivere qualcosa di più lungo di un tema al termine delle scuole elementari, quando mia sorella era ormai abbastanza grande per comprendere le fiabe e le storie da me inventate. Il mio blog, invece, è nato il 21 marzo del 2011, in un periodo difficile della mia vita. Lo aprii per gioco, per riversarvi dentro le mie passioni e renderlo un diario virtuale, in cui scrivere i miei pensieri. L'Albero delle Mele ha subito molte trasformazioni in questi 5 anni, si è chiuso più volte in una crisalide, e in questa veste, che credo sia finalmente la definitiva, ha spiegato le ali per mostrarsi per quello che è: un contenitore di sogni, letture, parole e curiosità.
Come è nata la tua passione per la scrittura? Ci sono autori classici o molto noti che credi abbiamo influenzato, in qualche modo, il tuo stile?
Come dicevo sopra, la passione per la scrittura è sempre stata parte di me. Essendo una persona timida e introversa, avevo bisogno di un modo tutto mio per esprimere sentimenti ed emozioni. Quel modo l'ho trovato nella parola scritta. Scrivevo fiumi d'inchiostro su diari, quaderni, fogli... e poi facevo leggere tutto alla mia famiglia. Comunicavo molto più volentieri per scritto che non oralmente, e questa è una caratteristica che ho mantenuto anche nell'età adulta. Quando è nata mia sorella, poi, ho sentito il bisogno di raccontarle qualche storia, e allora ho cominciato a scrivere per lei e mi divertivo a leggerle dei mondi e dei personaggi che inventavo. Sicuramente sono stata influenzata dagli scrittori di cui ho letto, tuttavia non saprei dire esattamente da quali. Posso dirti, tuttavia, gli autori che ammiro e a cui vorrei, seppur solo lontanamente, somigliare. Mi piacerebbe avere un'unghia del talento di J.K. Rowling, che ha segnato per sempre e inevitabilmente la mia infanzia. Amo lo stile fresco e fatto di sensazioni di Sarah Addison Allen, di cui ho divorato i libri, gustandoli (letteralmente!) a ogni pagina. Infine, la scrittrice che amo di più è con ogni probabilità Charlotte Brontë: lo spirito di libertà, l'idealismo e le passioni che trapelano dal suo “Jane Eyre” hanno colpito il mio cuore e mi piacerebbe trarre insegnamento dal suo stile di scrittura.
Cosa vuol dire per te scrivere?
Cosa vuol dire per me scrivere? La scrittura è Vita, è Libertà. Riversare i miei pensieri su carta è indispensabile, è un respiro a pieni polmoni in una realtà spesso (purtroppo) insoddisfacente. Non posso fare a meno di carta e penna, ho l'inchiostro nel sangue.
Qual è il libro che ti ha lasciato un segno?
Ce ne sono stati tanti, davvero. Non ho un libro preferito, perché ognuno di quelli che considero tali lo è a suo modo e per un motivo particolare. I libri di Tiziano Terzani, per esempio, hanno cambiato per sempre la mia visione delle cose, esortandomi a riflessioni profonde e a mutamenti radicali. “Jane Eyre” mi ha fatto sentire meno sola e incompresa in alcuni momenti, regalandomi sentimenti ed emozioni indimenticabili. “Via col vento” mi ha fatto conoscere le mille sfaccettature del comportamento umano e la saga di “Cuore d'Inchiostro” ha cambiato per sempre il mio modo di vivere la scrittura. Ce ne sarebbero molti altri da elencare, ogni libro è speciale a suo modo .
Come è nata l'idea di Sogni di Carta? 
L'idea per Sogni di Carta è nata quasi per caso, a novembre di due ani fa. Dopo la pubblicazione del primo romanzo, necessitavo di una storia leggera, spensierata, che potesse divertirmi scrivendola e che mi facesse distrarre e trascorrere piacevolmente il tempo libero. Era un periodo stressante e avevo un estremo bisogno di gettarmi a capofitto in una nuova avventura, in cui impegnarmi con il cuore. E così, proprio dal cuore, sono arrivati Archimede e Gulliver a scaldare le mie giornate invernali. Dato che non potevo lavorare in una libreria come avrei voluto, ho pensato di crearne una in cui potesse esserci spazio anche a me, tra le righe. Dunque, ho creato Sogni di Carta, il magico negozio che ogni appassionato di libri vorrebbe avere nella propria città!
Per chiudere in bellezza facciamo un giochino...ti trovi ad una campagna pubblicitaria e devi purtroppo promuovere da sola il tuo libro, che cosa diresti alle persone per convicerli ad acquistarlo?
Se desiderate una storia che, con spensieratezza, possa insegnarvi qualcosa, allora leggete Sogni di Carta. Archimede e Gulliver vi faranno trascorrere momenti indimenticabili e, sia che siate bambini, lettori, librai, scrittori, editori, genitori, insegnanti.... non potrete fare a meno di apprezzare la storia, la magia e gli insegnamenti contenuti tra le pagine del romanzo. Infine, il topino Gulliver sa diventare molto dispettoso, per cui... leggete, se non volete trovarvi l'orlo dei pantaloni tutto rosicchiato!

Grazie infinite per avermi intervistata! Sei stata gentilissima *O*   

Nessun commento

Powered by Blogger.