UN CUORE PER UN CUORE DI ORNELLA CALCAGNILE

Buongiorno a tutti miei cari lettori, vi chiedo già perdono ma oggi il mio blog tirerà fuori diversi  post, dovevo farlo nel week end ma sono stata messa nuovamente ko  dall'infulenza intestinale...quest'anno è veramente micidiale.
Non mi perdo quindi in lunghe chiacchere e inizio subito con le mie impressioni su la prima novella di una raccolta molto carina che sta pubblicando la Dunwich Edizioni.

Titolo: Un Cuore per un Cuore (Once Upon a Steam –
Episodio 1)
Autore: Ornella Calcagnile
Editore: Dunwich Edizioni
Genere: Steampunk/Fantasy
Pagine: 70
Data di uscita: 13 ottobre 20015
A Steamwood, nel piccolo regno di Enchanted Forest, Biancaneve e il suo principe hanno conseguito il tanto meritato lieto fine dando persino alla luce una bambina, riflesso della madre: Biancabrina.
Una felicità raggiunta a discapito però della “povera” Grimilde che, sopravvissuta, si è nascosta nella cittadina di Steamgrow e ha ordito una tremenda vendetta a danno della figliastra, lanciando nel momento più opportuno una maledizione sul regno, un sortilegio a cui, per sua sfortuna, Biancabrina è riuscita a sottrarsi. Tra elementi della fiaba classica e quelli innovativi dello steampunk, una nuova improbabile principessa tenterà di riconquistare il regno che le spetta di diritto e apporre la parola fine sulla sua “nonnastra”. Nell’impresa non sarà sola, ma accompagnata dal fidato amico Dopey e i suoi mecha-nani.
Biancabrina riuscirà a guadagnarsi il lieto fine e portare a compimento la sua vendetta o sarà ostacolata dalle creature di Steamwood e dal Narratante, sommo signore di quelle terre?
Tra ferro e vapore, magie e pozioni, ottone e marchingegni, tutto ha inizio con… Once Upon a Steam
Un cuore per un cuore è una piacevole novella che, anche se considerata da molti la rivisitazione della storia di Biancaneve, per me l'autrice ha voluto più regalarci un altro ipotetico seguito della Favola che noi tutti conosciamo.
Qui non si parla infatti della storia di Biancaneve e il suo principe azzurro, Floriant, che hanno ormai avuto il loro lieto fine felice, ma di loro figlia, Biancabrina, una ragazza ribelle e al difuori di tutti gli standard della perfetta principessa.


A Steamwood, regno in cui vivono i due reali, è stato lanciato un sortilegio, tutti sono invecchiati tranne per l'appunto, la principessa Biancabrina, che non essendo pura di cuore come i suoi genitori e tutto il suo regno, il sortilegio su di lei non ha avuto alcun effetto.


Il sortilegio è stato lanciato dalla "nonnastra", di Biancabrina, la matrigna cattiva di sua madre, Grimilde, che non è morta nel burone spinta dai nani come abbiamo sempre creduto, ma si è salvata e ora vive nel Regno di Stemgrow. Grimilde tra l'altro sfruttando i capelli magici di Prunella (Raperonzolo) e il vapore magico delle miniere procurato dai mecha-nani, ha ancora le sembianze di una giovane e bellissima donna.


Biancabrina insieme al fidato amico Dopey, il cucciolo della situazione, si metterà sulle tracce della nonnastra per salvare i suoi genitori e il suo regno, ma non vi aspettate di vedere la solita eroina dolce e accondiscendente, perchè come vi ho già anticipato Biancabrina, non ha il cuore puro dei suoi genitori, il suo cuore è avvolto da un ombra oscura quindi non si risparmierà niente, neanche l'uccidere delle persone.

«Che ne devo fare di te? Domestico o prigioniero? Magari potrei darti in pasto ai licantropi che cacciavi prima di diventa­re l’essere abietto che sei oggi. Cosa ne pensi?» doman­dò Biancabrina con voce bassa e crudele.
«Allora è vero che nel tuo cuore alberga l’ombra, Principes­sa, figlia di nobili sovrani… Questa volta la mela è rotolata lontano dal suo albero, non è così?»
Uno sparo, tanti uccellini meccanici a spiccare il volo, una grossa nube a velare nuovamente le lune e quella notte sembrò spegnersi.

Ho già avuto il piacere di leggere qualche libro di questa autrice, Ornella Calcagnile, e come sempre la sua bravura è sorprendente, è riuscita in pochissime pagine a dare vita ad una storia fantastica, ricca di particolari e avvenimenti del tutto intriganti, l'ambientazione poi, molto dark e futuristica (cavalli meccanici, mecha-nani ecc) rendono il racconto ancora più avvincente. 

 A Steamgrow tutto funzionava con i vapori del suolo. C’era il vaporettrico che generava energia elettrica, il vapacqueo che scorreva come fiumi sotterranei e passava e passava dallo stato gassoso a quello liquido a contatto con il ferro, il vapofoco che generava fiamme composte…

Il suo stile è semplice e coinvolgente ma non aspettatevi il solito lieto fine delle favole, perchè forse non ci sarà... ma come ogni fiaba che si rispetti, anche qui potrete tranne i giusti insegnamenti.
Veramente singolare poi è la figura del "Narratante", a cui la scrittrice è stata bravissima nel creargli la giusta aura di mistero...chi è questo personaggio che alla fine propone un accordo a Biancabrina? Non è che per caso si tratta di Tremotino?


A questo punto non mi resta che leggermi tutti gli altri racconti, visto che a quanto ho capito il Narratante è un po' il filo conduttore di questa serie di racconti steampunk e voi che aspettate? Vedrete che appena leggerete "Un cuore per un cuore" sarete curiosi di saperne di più come me.


5 commenti

  1. Ho letto il secondo e il terzo capitolo di questa serie, ma non il primo! Sono strana... lo so... Adesso sono curiosa di leggere il quarto e prima o poi recupererò anche questo. :)
    P.S. Carinissime le immagini ^^

    RispondiElimina
  2. Anche io letto poco tempo fa Un cuore per un cuore, non mi ha entusiasmato come hai entusiasmato te, ma devo dire che comunque l'ho trovata una lettura carina e piacevole... anche a me ha incuriosito molto la figura del Narratante :)

    RispondiElimina
  3. Ho letto anche io da poco la novella e l'ho trovata proprio carina :3 non vedo l'ora di leggere le altre!

    RispondiElimina
  4. anch'io, appena finito il romanzo, ho pensato che il Narrante fosse Tremotino (la magia ha sempre un prezzo, come ci insegna Gold di Once Upon a Time), però leggendo anche la seconda novella pare siano 2 personalità diverse. Devo continuare la lettura delle altre per capirlo meglio =)

    RispondiElimina

Powered by Blogger.