RECENSIONE: FAIRY OAK - IL SEGRETO DELLE GEMELLE DI ELISABETTA GNONE

Buongiorno readers,
oggi doppia recensione sul blog del Gatto Librio... e si sono impazzita ragazzi ma avendomi la CE gentilmente inviato il primo e il secondo volume di questa simpatica serie non potevo non parlarvene.
Si avete letto bene ho parlato di serie... una serie fantasy che sicuramente molti di voi avranno avuto il piacere di conoscerla...io che invece sono cresciuta con Topolino e Il corriere dei Piccoli, l'ho scoperta solo ora ma sono sicura che se ai mei tempi (oddio parlando così  sembro mia nonna) fosse esistita, sicuramente sarebbe stata una delle mie letture preferite. Ma di chi sto parlando? Ma di Fairy Oak!
Il segreto delle gemelle
FAIRY OAK
di Elisabetta Gnone

Prezzo: € 14,90 (ebook € 4,99)
Pagine: 280
Genere: Fantasy
Editore: Salani Editore
Data di pubblicazione: 17 marzo 2016
Fairy Oak è un villaggio magico e antico nascosto fra le pieghe di un tempo immortale. A volerlo cercare, bisognerebbe viaggiare fra gli altopiani scozzesi e le brughiere normanne, nelle valli fiorite della Bretagna, tra i verdi prati irlandesi e le baie dell'oceano. Il villaggio è abitato da creature magiche e uomini senza poteri, ma è difficile distinguere gli uni dagli altri, poiché maghi, streghe e cittadini comuni abitano le case di pietra da tanto di quel tempo che ormai nessuno fa più caso alle reciproche stranezze e tutti si somigliano un po'. A parte le fate, che sono molto piccole, luminose e... volano. Questa storia è raccontata da una di loro e narra l'avventura straordinaria di due sorelle gemelle, Vaniglia e Pervinca... Età di lettura: da 10 anni. 
Recensione

Fair Oak - Il segreto delle Gemelle è il primo capitolo di questa simpatica serie che parla di maghi, fatine, alberi incantati ecc...
In questa rinnovata edizione edita dalla Salani Editore dove all'interno si possono trovare delle fantastiche illustrazioni, facciamo la conoscenza di due gemelle particolari, Pervinca e Vaniglia.
Le gemelle Periwinkle hanno nel sange DNA magico, ma a parte Vaniglia che riesce sorprendentemente a volare, entrambe ancora non hanno manifestato grossi poteri, soprattutto Pervina.
Ad accudirle fin dalla nascita viene fatta chiamare da Tomelilla, la zia magica delle ragazze, una tata-fatina, Felì, che sarà proprio lei, con la sua voce narrante, ad accompagnarci in tutta la storia.
Ed è proprio attraverso gli occhi di Felì, che impareremo a conoscere meglio tutti i personaggi di Fairy Oak, un paesino della valle di Verdepiano, dove i Magici e i Nonmagici da sempre vivono insieme in serenità, basta pensare che Cicero il padre delle gemelle non è un mago.


Ovviamente come in tutti i libri che si rispetti, non può essere tutto rose e fiori, quindi oltre alla preoccupazione che la famiglia Periwinkle deve affrontare vista la momentanea diversità delle gemelle (una sembra essere magica e l'altra no)... la vita tranquilla degli abitanti di Fairy Oak, sarà presto scossa dal ritorno di un vecchio nemico.

Ho trovato la scrittura di questo primo libro molto semplice e intuitiva ma vi ricordo che come ho evidenziato sopra questa è una lettura adatta ai bambini dai 10 anni in su, quindi se siete alla ricerca di fantasy complicati con battaglie ecc questa saga non fa affatto per voi.
Se invece per qualche giorno volete ritornare piccoli e seguire le avventure delle gemelle Periwinkle, questa trilogia sicuramente non vi deluderà, soprattutto perchè avrete modo di fare la conoscenza di tantissimi personaggi, ognuno con le sue paure, i suoi problemi e le sue curiosità.
E proprio da questi personaggi i più piccoli potranno trarre grosse lezioni di vita, come per esempio la fatina Prud, per anni (e le fatine signori miei hanno una vita molto lunga) è stata totalmente incapace di volare per la troppa paura, ma nel momento del bisogno è riuscita a vincere la grossa battaglia contro se stessa.
Importante durante il racconto è anche il significato forte che l'autrice da' all'amicizia, soprattutto tra "l'emarginata" Shirley Poppy (considerata un po' da tutti una bambina bizzarra da evitare) e le gemelle.
Ad ogni accadimento viene dato il giusto ritmo e la giusta sensibilità, non siamo davanti a personaggi sempre allegri e sorridenti anche davanti alla catastrofi perchè è un libro per bambini, anche i più piccoli devono capire quindi ci troviamo di fronte a personaggi che vivono, amano, piangono e soffrono come persone reali...
"Vaniglia rimase per un momento senza parole.
Poi, osservando sua sorella volteggiare far i rami degli alberi sussurrò: «Vuol dire che non potrò mai volare con lei?»
«Potrai » rispose calma Tomelilla. «Quando sarai un po' più grande e avrai compreso meglio il potere della nostra magia. Che è grande, Babù, più di quanto tu possa immaginare».
Vaniglia osservò di nuovo sua sorella e questa volta aveva gli occhi colmi di nostalgia. Seduta sulla sua spalla, la sentii respirare profondamente e poi dire sottovoce: «E' la cosa più bella che possiamo fare, e non possiamo farla insieme»." 
A mio avviso tutto sembra studiato nei minimi dettagli per far lavorare la fantasia dei pù piccoli e vi assicuro 
come vi ho accennato anche qui sopra, che se questa serie fosse uscita "tanti e tanti anni fa" sarebbe sicuramente diventata il mio pane quotidiano...

7 commenti

  1. Ciao Soniaa! Questi sono davvero libri che fanno sognare.. Belli belli belli! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si concordo pienamente con te e poi per un po' sono ritornata bambina :-)

      Elimina
  2. Adoro questa saga, ho letto solo il primo volume ma non vedo l'ora di gettarmi a capofitto sul secondo e di andare avanti con la storia :-) bellissimo

    RispondiElimina
  3. Ciao
    questa saga mi piace molto. Devo riprenderla. Devo leggere Fairy Oak - I quattro misteri .

    RispondiElimina
  4. Oh Sonia! Mi hai fatto tornare voglia di rileggerli tutti e tre!
    "L'incanto del buio" è stato il mio preferito, forse proprio perché era tutto così avvolto nel mistero, nella suspense, e poi il perfetto intreccio con il racconto delle origini del villaggio ... tutto questo ha reso il romanzo assolutamente magico e indimenticabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah veramente carino e si alla fine posso dire che anche io ho preferito più il secondo...ora devo assolutamente recuperare il terzo ;-)

      Elimina
  5. Io ho adorato Fairy Oak e mi hai fatto venire una gran nostalgia del mondo fatato di Vaniglia e Pervinca!!! Poi, io adoro i libri per i "bambini", quindi non sarebbe affatto un problema rileggerli*__*

    RispondiElimina

Powered by Blogger.