lunedì 23 gennaio 2017

FINGIRL DI RAINBOW ROWELL

Buongiorno readers, 
come ogni lunedì mi sento il Brontolone della situazione... io odio i mezzi pubblici, io odio il tempo di oggi, io odio stare al lavoro ecc ecc la lista potrebbe essere veramente troppo lunga!
Per fortuna che a farmi compagnia ci sono sempre i miei bellissimi libri e proprio questa mattina ho iniziato per la giornata della Memoria "Il fabbricante di giocattoli", tra un po' di giorni vi saprò dire il mio pensiero... Ora però eccomi qui a parlarvi di un altro libro letto durante le festività natalizie.

Fangirl
di Rainbow Rowell

Genere: Young Adult
Editore: Piemme
Prezzo: € 17,00 (ebook € 5,79)
Pagine: 513

Approdata all'università, dove la sua gemella Wren vuole solo divertirsi tra party, alcool e ragazzi, la timidissima Cath si trova sola per la prima volta e si rinchiude nella sua stanza a scrivere la fanfiction di cui migliaia di fan attendono il seguito. Ma una compagna di stanza scontrosa con il suo ragazzo carino che le sta sempre intorno, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fanfiction siano solo un plagio, e un affascinante aspirante scrittore che vuole lavorare con lei, obbligheranno Cath ad affrontare la sua nuova vita...
Per diversi mesi non ho fatto altro che vedere gente che nella blogosfera si "strappa i capelli" alla vista di Fangirl...Quindi diciamo che le mi aspettative su questo libro, non erano alte... ma altissime!
E forse è proprio per questo che non mi sento in grado di urlare che Fangirl è stato uno dei libri più belli letti nel 2016?
Non voglio fare la pecora nera della situazione o meglio della blogosfera ma sinceramente, visto l'enorme ovazione su questo libro, mi aspettavo molto di più, invece l'ho trovata una semplice lettura carina che però non mi ha lasciato più di tanto..
Devo dire però che grazie a Cath, una delle protagoniste principali di Fangirl, insieme a Levi, mi si è aperto un mondo sulle fanfiction che, ammetto di dire senza vergogna, fino a questo momento non ne avevo capito nè il senso nè l'utilità. Sono corsa quindi ad iscrivermi su Wattpad per navigare in questo nuovo mondo fatto si di racconti inediti ma soprattutto di fanfiction.



Riallacciandomi a Fangirl quindi, devo dire che ho veramente apprezzato l'idea dell'autrice di intervallare alla vera trama, la storia scritta da Cath "Carry on Simon", la fanfiction dedicata a Simon Snow.

Il bello della fanfiction" spiego lei "è che ti ritrovi ad agire nell'universo di un'altra persona. 
Puoi riscriverne le regole. O modificarle a tuo piacimento. La storia non deve finire per forza quando viene a noia a Gemma Leslie. Ti è permesso di rimanere in quel mondo, in quel mondo che ami, finchè vuoi, finchè hai storie da inventare..."

Ma addentriamoci nella trama del libro, Cath è una normalissima adolescente che ha sofferto l'abbandono della madre, per fortuna al suo fianco c'è sempre stata la sorella gemmella Wren. Con lei ha condiviso tutto, gioie e dolori ma quando arriva il momento di lasciare la casa che condividono con il padre, Wren sente il bisogno di allontanarsi dalla gemella e per Cath, sembra quasi di rivivere quella sensazione di abbandono provato da piccola con la madre.
Considerando poi che Wren è sempre stata la sorella più spigliata e brava a stringere nuove amicizie, Cath senza di lei si sente persa e si chiude ancora di più in se stessa, trovando un po' di felicità e spensieratezza solo tra le righe della sua fanfiction, dedicata alla storia di Simon Snow e al suo "antagonista" Baz.

Era bello poter scrivere in camera propria, nel proprio letto. Perdersi nel mondo degli Arcimaghi e non tornare più indietro. Non sentire altre voci nella testa eccetto quelle di Simon e Baz. Nemmeno la propria. Era per quello che scriveva. Per quelle ore in cui il loto mondo soppiantava quello reale. In cui poteva permettersi di cavalcare l’onda dei loro sentimenti reciproci, come qualcosa che precipitasse giù a rotta di collo.

La sua vita al college quindi sembra procedere nell'anonimato, finchè prepotentemente, entrano a far parte della sua vita, Levi e la sua conquilina particolare, Regan.
Regan nei suoi modi bruschi e poco carini riesce a poco a poco a far breccia in quel muro che Cath ha inalzato per il mondo esterno ma Levi, con la sua dolcezza, pazienza e costanza, riuscirà a trovare un posticino nel suo cuore.
Grazie alla lettura della sua fanfiction infatti tra i due piano piano nascerà qualcosa di più di una semplice amicizia e tutto questo aiuterà Cath ad uscire dal guscio e a risolvere i suoi problemi di "esistenza".

Per essere un vero nerd, si era convinta, bisognava preferire i mondi fittizi al mondo reale. Cath si sarebbe trasferita all’istante nel Mondo degli Arcimaghi. L’anno precedente era caduta quasi in depressione quando si era resa conto che, anche se avesse scoperto un cunicolo spazio-temporale magico per entrare nel mondo di Simon, ormai era troppo vecchia per frequentare la Scuola di arti magiche di Watford. 
Sicuramente la narrazione, essendo abbastanza veloce e coinvolgente, non mi ha fatto assolutamente annoiare, anzi... il problema è che avendolo iniziato con altissime aspettative, non ho trovato la storia di questi due adolescenti degna di così tanto clamore.
E' un libro indicato soprattutto ad un pubblico di giovani lettori essendo classificato nel genere degli Young Adult, ma come mi ripeto sempre... i libri non dovrebbero essere etichettati in base all'età... anche a 60 si può leggere con amore e trasporto Pinocchio no? Quindi pur non avendolo apprezzato a pieno, mi sento lo stesso in dovere di consigliarvi Fangirl, chissà magari riuscirete a vedere quello che io non sono riuscita a cogliere.


8 commenti:

  1. Ciao Sonia :) A me questo libro incuriosisce parecchio, ma la penso come te.. credo sia una lettura leggera da affrontare quando non si vuol leggere nulla di troppo impegnativo e infatti mi riserverò la lettura di questo libro proprio in uno di questi momenti che sono certa mi capiterà di affrontare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto pienamente d'accordo non è questa lettura impegnativa che ti lascia qualcosa...

      Elimina
  2. Ciao Sonia, sto scrivendo anche io la recensione di questo libro e mi consola vedere che anche tu l'hai trovata una semplice lettura...mi aspettavo veramente di più...tre stelline e mezza per me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'altro stavo inserendo la stessa immagine nella recensione...quella delle due ragazze...ora vedo di cambiarla!!!!

      Elimina
    2. Meno male che non sono l'unica allora...

      Elimina
  3. Anche io avevo aspettative altissime e poi ne sono rimasta davvero delusa! Giuro non sopportavo più Cath con la sua ossessione per Simon Snow. Le parti della fan fiction (devo dire che a me non piacciono nemmeno le fan fiction "reali") le ho proprio saltate, infatti nemmeno ho preso in considerazione di leggere Carry On.
    È un peccato, però. Ho letto altri libri di Rainbow Rowell che mi sono piaciuti tantissimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io che pensavo di essere linciata dal mondo della Blogosfera ahahah a questo punto andrò a vedermi gli altri libri della Rowelll...ora mi hai incuriosita

      Elimina
  4. Ti capisco - io l'ho letto nel 2015 in inglese.
    Scorrevolissimo, mi scivolava sotto gli occhi e neanche me ne accorgevo. Mi sono rivista in parecchie cose in Cath e mi è piaciuto, ma non al punto di osannarlo come hanno fatto tante altre.

    RispondiElimina